Cerca nel blog...

martedì 28 dicembre 2010

11 - messaggio di Anima

In questi anni mi sono imbattuto in molti per non dire troppi punti di vista su svariati temi certamente non “convenzionali” a dispetto dei media. Ho detto troppi, perché la confusione era tanta, trasformata poi in accrescimento della consapevolezza del Sé, come miliardi di tasselli di un enorme puzzle che lentamente ha preso forma e sostanza. Come già detto in altri miei precedenti articoli scaricati e commentati centinaia di volte, ho ricevuto consensi e critiche com’è normale, infatti, s’impara e si cresce maggiormente dalle esperienze, situazioni o commenti cosiddetti “negativi”. Con questo breve scritto volevo fare una modesta riflessione riguardo alla sincronicità collegata al mio vecchio motto “nulla succede per caso e tutto a suo tempo”. A riguardo vorrei raccontare una mia esperienza di alcuni anni fa: mi trovavo in una biblioteca locale con alcune persone, sarà stata la seconda volta che ci entravo perché ne frequentavo un’altra; in oltre 70.000 titoli presenti colsi da uno scaffale un libro dal titolo “Nulla succede per caso” scritto da uno psicoterapeuta americano; da quell’istante capii che le “coincidenze” furono ormai troppe per definirsi tali; con grande stupore rimisi il libro al suo posto leggendolo solamente verso la fine del 2009, poi compresi il perché. Quello che feci dal 2005 è stato cercare troppo spesso al di fuori qualcuno che potesse darmi una risposta alle mie molte domande che ruotavano attorno a tutte sul “chi sono?”. Tuttora la domanda è priva di risposta agli altri semplicemente perché soltanto io la so, anzi l’ho sempre saputa, solamente che era appannata, sfuocata. Nel frattempo mi si presentavano alcune persone che cercavano furbamente di imporre la loro volontà, i loro preconcetti, le loro consolidate certezze. Altre persone invece (si contano sulle dita di una mano) che senza alcun interesse hanno cercato di farmi capire che le verità risiedono solamente in me, nell’inconscio più profondo e misterioso, nell’essenza del Sé. Mi è stata mostrata la soglia ma sono io che l’ho attraversata e a volte il percorso non è indolore: tutti i cambiamenti necessitano di equilibrio che non è sempre semplice e immediato da trovare.
Siamo arrivati nel 2011 e credo che sarà un anno di discesa materiale e contemporanea ascesa della Coscienza. Undici è un numero che mi è particolarmente ricorrente e facendo una veloce ricerca ho visto che esistono alcuni siti dedicati alla numerologia dell’undici, i suoi multipli ventidue, trentatré e così via. Aldilà della new age che sta dietro, tutto richiama all’unicità. La dualità ha da sempre accompagnato l’uomo: bello o brutto, buono o cattivo, destra o sinistra, alto o basso, bianco o nero, ma tutto è Uno e semplicemente “è”. L’importante è avere la consapevolezza di essere Coscienti e non significa detenere ricchezze materiali perché sono transitorie e fasulle, ora più che mai perché ormai la società si regge a malapena e tutti saremo costretti a ritornare ai valori semplici, fondendo la parte animica, mentale e spirituale in una cosa sola. Vale soltanto l’IO SONO e basta.
Buon 2011 con Coscienza :)

mercoledì 29 settembre 2010

Flash Mental Simulation: i Colori dell'Anima - Corrado Malanga




In questo lavoro vengono riportate le nuove tecniche mentali per risolvere rapidamente il problema adduttivo. La risoluzione consiste nell’applicazione di nuovi modelli mentali di simulazione che permettono, se correttamente applicati all’addotto, di sollevarlo dal problema per sempre, in una sola seduta o quantomeno forniranno gli strumenti: prima per comprendere e poi eliminare le interferenze aliene.

La metodologia è di semplice applicabilità e nasce da alcune osservazioni di Corrado Malanga che sono poi state ampliate e corrette dal gruppo di lavoro sorto attorno a questo progetto di ricerca e con i suggerimenti di molti altri nostri collaboratori che ancora ufficialmente non sono entrati a far parte del pool di ricerca sulle simulazioni mentali ma che comunque forniscono giornalmente i loro contributi in questo settore.

Sicuramente questo non vuole essere un lavoro terminato ma un primo contributo alla ricerca nel campo delle metodologie tese ad affrontare (far fronte) il problema delle adduzioni aliene.

Dunque a questo primo sforzo, ne seguiranno altri che aggiungeranno, approfondiranno e modificheranno, se necessario, parti di questo primo “manuale di istruzioni” che descrive una serie di metodologie che sono state testate ormai in un periodo lungo otto mesi, con risultati decisamente incoraggianti.

E’ bene sottolineare infatti che il gruppo sta ancora lavorando alla identificazione di probabili nuove specie aliene, non ancora ben definite strutturalmente, che sarebbero state descritte in recenti applicazioni della nuova tecnica, le cui risposte sono attualmente vincolate ad uno studio più profondo ed oggettivo possibile.

Va altresì fatto notare che sebbene queste nuove tecniche siano di facile applicabilità, è bene sottolineare come non ci si possa improvvisare dall’oggi al domani, operatori di simulazioni mentali ed inventarsi il ruolo di Alien Hunter, tanto caro a molti ufologi americani ed a molti perditempo italiani.

Ci rendiamo conto infatti che rendere pubbliche queste metodologie, da un lato produrrà l’effetto di rendere disponibile questa ricerca a tutto il mondo, ricordiamo infatti che siamo l’unico gruppo di ricerca nel mondo che propone una ricetta difensiva nei confronti del fenomeno adduttivo, ma dall’altro potrebbe mettere nelle mani di sprovveduti, tecniche bomba per l’introspezione profonda personale che, se malamente impiegate, potrebbero creare effetti decisamente indesiderati sulla psiche umana (leggere il disclaimer alla fine di questo lavoro per maggiori informazioni).

Gli autori di questo lavoro non si considerano responsabili per un inadeguato utilizzo di queste tecniche.

Gli interessati ad essere coadiuvati nel superare i loro problemi adduttivi, sono caldamente consigliati di prendere contatto solamente con Corrado Malanga che, sulla base di alcune osservazioni preliminari, assegnerà ad un suo collaboratore di fiducia il processo per la risoluzione del caso.

Si sconsiglia caldamente chiunque ad affidarsi a chicchessia che si presentasse come nostro collaboratore, senza mostrare le opportune garanzie.

giovedì 19 agosto 2010

Iron Maiden @ Villa Manin 17 agosto 2010 report

foto del giorno del concerto... Bruceeee !!! Scream for me Udineeee!!!


atterraggio di Bruce Dickinson all'aeroporto di Ronchi D. L. !!!


Intro + The Wicker Man


El Dorado


Dopo nove volte che ho visto la miglior band metal del mondo posso dire di essermi divertito molto. La scaletta è stata per qualcuno discutibile (anche per me qualche canzone poteva essere sostituita), ma va bene così, sono sopravvissuto anche senza the trooper! Gli Iron sono sempre gli Iron! Al prossimo show, forse già quest'inverno o nel 2011... vedremo! Gli Iron Maiden sono come le Anime: immortali!

martedì 3 agosto 2010

tempesta solare in arrivo tra il 3 e 4 agosto 2010...

Primo "sbuffetto" del nostro Sole...



Gli scienziati della Nasa tengono sotto stretto controllo il Sole: l'attività sulla sua superficie sta registrando dei picchi fuori dal comune. Segnalato nella notte tra il 3 e il 4 agosto uno tsunami solare.

Sono dei veri fuochi d'artificio quelli che vengono registrati in questi giorni dai satelliti puntati verso il Sole. Gli scienziati della Nasa nelle scorse ore hanno registrato un'esplosione fuori dal comune: l'evento si è verificato in corrispondenza di una macchia solare grande quanto il pianeta Terra. Un fenomeno che, secondo la Nasa, può essere collegato a un'eruzione di dimensioni ancora maggiori.

Queste esplosioni sono emissioni della corona solare che spingono nello spazio circostante onde di gas: uno tsunami solare, che secondo gli scienziati interessa anche la Terra. L'onda d'urto viaggia nello spazio e va a scontrarsi sul naturale scudo magnetico che circonda il nostro pianeta. Il primo effetto visibile dello tsunami è una vera 'invasione' di aurore boreali. Sono previste spettacolari luci visibili dai cieli del Nord Europa e del Nord America a partire dalla notte del 3 agosto. Sono le più brillanti e colorate degli ultimi anni.

Ma si tratta di un fenomeno che va oltre queste spettacolari emanazioni. Gli astrofisici che stanno monitorando il sole spiegano che si tratta della prima eruzione di simili proporzioni diretta al nostro pianeta e sottolineano che un'esplosione come questa potrebbe distruggere i satelliti che incontra sulla sua strada. Le conseguenze sarebbero gravissime: le comunicazioni subirebbero danni significativi. Secondo le previsioni della Nasa, rilanciate dal Telegraph, l'Inghilterra potrebbe trovarsi senza elettricità e subire lunghi periodi di black-out. Anche le comunicazioni sarebbero pressoché impossibili.

Una devastante tempesta solare è prevista per il 2013. Secondo la Nasa, le nostre reti informatiche e quelle elettriche potrebbe essere distrutte dal picco di attività solare previsto per i prossimi anni.

http://it.notizie.yahoo.com/53/20100803/ttc-il-sole-sia-sta-svegliando-lo-tsunam-f0c422d.html

sabato 31 luglio 2010

NASA pubblica allarme su possibile Apocalisse nel 2012


Secondo la NASA un'apocalisse potrebbe colpire la Terra nel 2012.



La NASA ha pubblicato un avviso pubblico circa la possibilità che nel corso degli anni 2012-2015 ci possa essere una serie di tempeste solari. La National Aeronautics and Space Administration ha rilevato che gli Stati Uniti sarebbero il paese più colpito in confronto con il resto del pianeta.

Le radiazioni distruggeranno i sistemi di comunicazione in USA, satelliti e trasformatori di potenza in tutto il mondo.

Gli scienziati dicono che questa non è la prima tempesta solare abbattutasi sul nostro pianeta, già nel 1859 il c'è stata una tempesta solare con caratteristichei simili a ciò che dovremmo aspettarci, ovviamente per mancanza di tecnologia evoluta a suo tempo la tempesta fu a stento avvertita.

Un'altra tempesta solare ha avuto luogo nel 1921 causando pochi danni (anche in questo caso la tecnologia era poco sviluppata rispetto ai giorni nostri).

Il mondo continua a preoccuparsi di cosa succederà nel 2012, se questo è ciò che dovremmo aspettarci, credo che dovremmo cominciare seriamente a preoccuparci in quanto viviamo in una società dipendente unicamente dalla tecnologia.

fonte:
http://www.catastrofe.it/teorie-e-possibili-scenari-sul-2012/36-scenari-possibili-2012/141-nasa-pubblica-allarme-su-possibile-apocalisse-nel-2012.html

venerdì 25 giugno 2010

Riflessioni odierne...

Non è questione di pessimismo ma di realismo quello che credo stia accadendo sul nostro pianeta. E pensare che da molti anni ricercatori complottisti (ex eretici) più o meno famosi prevedevano catastrofi, disastri, crisi, ecc... Molti scettici che prima ridevano ora si ricredono o rimangono nascosti dietro egoismi, dogmi e paraculi vari.
Negli ultimi decenni si sono susseguiti un elevato numero di eventi negativi nel nostro mondo, sfociando con l'ultimo disastro ecologico del golfo del Messico che è di proporzioni gigantesche.
Ormai si è innescata una catena di eventi che probabilmente è difficile fermare se non con l'atto di volonta di ognuno. Le previsioni parlano della riduzione della popolazione del 90% entro qualche anno se ci va male, decine di anni se ci va meglio: vero o falso che sia dico sempre che è meglio essere preparati a tutto che non esserlo per niente.
D'altronde la nostra razza è una delle tante che ha calcato la Terra e quindi per un motivo o per l'altro tutto questo finirà, il quando non si sa perchè tutto è in continuo cambiamento ed evoluzione.
E' giunto anche il tempo di riconoscere persone da allontanare ed altre da avvicinare nella nostra vita, senza odio o rancore ma solo compassione perchè solo così tutti impareremo e capiremo. Una mia cara amica dice giustamente che bisogna guardare anche le piccole cose: azioni, parole, difetti o pregi che siano... ma a volte è altresì corretto dire che molto più difficile notare una montagna che uno spillo.
E' finito il tempo della preparazione ed è iniziato quello dell'azione e rivoluzione, con l'atto di volontà per un futuro armonioso e sereno che è adesso! Ma per fare questo bisogna essere Coscienza pura e libera da qualsiasi tipo di pensiero ingannatore instaurato nella mente e nell'Anima.
Cambia te stesso e cambierai il mondo, è proprio vero! :)

Serenità ed equilibrio... sempre!

martedì 15 giugno 2010

Tempesta Solare - tutte le tv mondiali ne parlano... e in Italia?

Vertice alla NASA svoltosi l'8 Giugno 2010

TEMPESTA SOLARE:
TUTTE LE TV MONDIALI NE PARLANO E IN ITALIA?
Riunione informativa di Segnidalcielo

Purtroppo l'informazione mediatica in Italia non ha mai funzionato, anzi al massimo vediamo un Capitan Ventosa che sfreccia qua e la per risolvere problemi banali ma non gravi come quello che sta per accadere. Questo non è allarmismo anzi è un invito a prendere le dovute precauzioni per essere pronti ad un appuntamento, che la natura stessa ci ha già trasmesso molti e molti anni fa. Ora non ci rimane che prendere sul serio le parole di illustri scienziati come Richard Fisher della Nasa e Tom Bogdan, che dichiarano:
"la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità alle tempeste solari senza precedenti, Siamo, infatti, dipendenti dalle apparecchiature elettroniche. L’onda di particelle, tra i suoi effetti, potrebbe sortire anche quello di mandare in tilt i nostri satelliti. Potremmo, nell’arco di poco tempo restare al buio, senza energia elettrica e comunicazioni. Il primo segno di pericolo verrebbe quando le radiazioni iniziassero a disturbare segnali radio e dispositivi GPS. Dieci o venti minuti dopo, i satelliti commerciali che trasmettono conversazioni telefoniche, TV ed informazioni di ogni genere sarebbero praticamente spazzati via". Nel frattempo il Team Segnidalcielo sta per organizzare una riunione informativa importante con tutti i lettori del portale Segnidalcielo.it. In questa riunione si farà il punto della situazione riguardante il pericolo imminente della tempesta solare. Quindi non perdete d'occhio il portale e presto vi comunicheremo il luogo e la data della riunione e il recapito telefonico per prenotarvi. Un saluto da Massimo Fratini

ECCO LA NOTIZIA PUBBLICATA DA

ENASA SCIENCE NEWS E SCHWARTZ REPORT

dal SchwartzReport del 7 giugno 2010

Sappiamo dalle prove sperimentali e dalla storia del passato che, dall'aumento dell'attività solare, dovremmo aspettarci ogni tipo di conseguenze culturali.

NASA Science News

Terra e spazio stanno per entrare in contatto in un modo del tutto nuovo per la storia umana. Per prepararsi, le autorità di Washington DC hanno tenuto un incontro: The Space Weather Enterprise Forum al Club Nazionale della Stampa lo scorso 8 giugno.

Richard Fisher, capo della Divisione di eliofisica della NASA, spiega di cosa si tratta:

"Il sole si sta risvegliando da un sonno profondo, ed entro pochi anni ci aspettiamo livelli molto più elevati di attività solare. Nello stesso tempo, la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità senza precedenti rispetto alle tempeste solari. L'intersezione di queste due questioni è il tema del nostro incontro.”

La National Academy of Sciences ha inquadrato il problema due anni fa, in una relazione storica dal titolo "Severe Space Weather Events - Societal and Economic Impacts" (Gravi eventi del clima spaziale - impatti sociali ed economici). Ha evidenziato come le persone del 21° secolo, si affidino ai sistemi ad alta tecnologia per gli aspetti base della vita quotidiana. Centrali elettriche intelligenti, navigazione GPS, viaggi in aereo, servizi finanziari e comunicazioni radio di emergenza possono tutti essere messi KO da un'intensa attività solare. Una tempesta solare di classe cento, mette in guardia l'Academy, potrebbe causare danni economici venti volte superiori a quelli causati dall'uragano Katrina.

Gran parte dei danni può essere ridotta se i dirigenti hanno di modo di essere informati in anticipo dell'arrivo di una tempesta. Mettere i satelliti in 'modalità di sicurezza' e disconnettere i trasformatori può proteggere questi dispositivi dal danno di sovraccarico elettrico. L'azione preventiva, tuttavia, richiede previsioni precise - un compito che è stato assegnato al NOAA.

"Le previsioni meteorologiche spaziali sono ancora ad uno stadio iniziale, ma stiamo facendo rapidi progressi", afferma Thomas Bogdan, direttore del NOAA's Space Weather Prediction Center (Centro di Previsioni Meteorologiche Spaziali NOAA) di Boulder, in Colorado.

Tra le dozzine di navette spaziali NASA, lui ne evidenzia tre in particolare: STEREO, SDO e ACE.

STEREO (Solar Terrestrial Relations Observatory, Osservatorio sulle Relazioni tra Sole e Terra) è formato da un paio di navicelle che stazionano ai lati opposti del Sole con una vista combinata del 90% della superficie stellare. In passato, le macchie solari attive potevano nascondersi nel lato più remoto del sole, invisibile dalla Terra, e poi improvvisamente emergere sulle eruzioni e sui getti di massa coronale. STEREO fa sì che questo tipo di attacchi a sorpresa siano impossibili.

SDO (il Solar Dynamics Observatory, Osservatorio sulle Dinamiche Solari) è l'aggiunta più recente alla flotta della NASA. Lanciato a Febbraio, è in grado di fotografare regioni solari attive ad una risoluzione di spettro, temporale e spaziale senza precedenti. I ricercatori possono ora studiare le eruzioni con squisito dettaglio, e nutrono buone speranze di imparare a comprendere i meccanismi delle fiammate e come prevederle. SDO tiene sotto controllo anche la notevole emissione UV del sole, che influenza la reazione dell'atmosfera della Terra alle variazioni solari.

Il preferito da Bogdan, però, è uno dei vecchi satelliti NASA: l'Advanced Composition Explorer (ACE) lanciato nel 1997. “Dove saremmo senza di lui?” si chiede. ACE è un osservatore del vento solare. Esso è situato controvento tra il sole e la Terra, rilevando le raffiche dal sole, getti di massa coronale di miliardi di tonnellate, e tempeste di radiazioni fino a 30 minuti prima che colpiscano il nostro pianeta.

“ACE è il nostro miglior sistema di allarme rapido”, dice Bogdan. “Esso ci permette di informare la sede predisposta e gli operatori del satellite quando una tempesta sta per colpire”.

In origine le navette della NASA non erano destinate ad operazioni di previsione - “ma sembra che i nostri dati siano pratici per utilizzi economici e civili”, osserva Fisher. “Questo è un buon esempio di scienza spaziale che aiuta la società moderna”.

Nel 2010, per il quarto anno consecutivo, coloro che attuano piani politici ed economici, ricercatori, legislatori e reporter si sono riuniti a Washington DC per discutere del clima spaziale. Quest'anno gli organizzatori del forum hanno pensato di accentuare l'attenzione sulla protezione delle infrastrutture necessarie. L'obiettivo finale è di migliorare la capacità nazionale di preparare, ridurre, e rispondere ad eventi metereologici spaziali potenzialmente devastanti.

“Credo che siamo sulla soglia di una nuova era in cui il clima spaziale può influenzare le nostre vite quotidiane quanto il comune clima terrestre.” conclude Fisher. “Prendiamo la questione molto seriamente”.

Nota della Redazione Segnidalcielo: perché in Italia non se ne parla e la Protezione Civile è stata allertata?

Vediamo che l'unico interesse per i media sono le partite di calcio, le veline, il Grande Bordello (Fratello), l'attività politica e gli omicidi

traduzione a cura del sito www.coscienza.org

fonte: http://www.segnidalcielo.it/tempeste_solari_2012.html

domenica 13 giugno 2010

Imminenti tempeste solari?



Vertice alla NASA svoltosi l'8 Giugno 2010

GIGANTESCA TEMPESTA SOLARE IMMINENTE

Timori per le telecomunicazioni e l'economia mondiale

ECCO L'ARTICOLO PUBBLICATO DALLA NASA SCIENCE NEWS

http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2010/04jun_swef/

Secondo la Nasa, le nostre reti informatiche e quelle elettriche potrebbe essere distrutte dal picco di attività solare previsto per i prossimi anni. A Washington, non a caso si è aperto il Forum sul Clima Solare promosso dalla Nasa in cui protagonista sarà proprio il picco di attività stellare. Secondo Richard Fisher, scienziato della Nasa «la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità alle tempeste solari senza precedenti». Siamo, infatti, dipendenti dalle apparecchiature elettroniche. L’onda di particelle, tra i suoi effetti, potrebbe sortire anche quello di mandare in tilt i nostri satelliti. Potremmo, nell’arco di poco tempo restare al buio, senza energia elettrica e comunicazioni. «Il primo segno di pericolo verrebbe quando le radiazioni iniziassero a disturbare segnali radio e dispositivi GPS. Dieci o venti minuti dopo, i satelliti commerciali che trasmettono conversazioni telefoniche, TV ed informazioni di ogni genere sarebbero praticamente spazzati via», ha detto Tom Bogdan, scienziato che ha modello matematico per rappresentare quello che potrebbe accadere.
Poco dopo sarebbe la volta di tutte le linee elettriche. Le radiazioni sarebbero in grado di indurre corrente sulle linee elettriche ad alto voltaggio. Il che porterebbe alla distruzione «praticamente di tutti i trasformatori sul pianeta». Il tutto, accadrebbe simultaneamente ovunque. Come sottolinea Fisher, “il sole si sta risvegliando da un profondo sonno, ed entro pochi anni ci aspettiamo di vedere livelli molto più elevati di attività solare”. La National Academy of Sciences aveva già affrontato il problema due anni fa in un rapporto intitolato “Gravi eventi legati al tempo solare – Conseguenze sociali ed economiche”. Il documento osservava come le persone del 21esimo secolo fanno affidamento sui sistemi hi-tech per le attività fondamentali della loro vita quotidiana. Le reti di energia elettrica, la navigazione Gps, i viaggi aerei, i servizi finanziari e le comunicazioni radio d’emergenza possono essere spazzate via da un’intensa attività solare.

fonte: http://www.segnidalcielo.it/tempeste_solari_2012.html

martedì 1 giugno 2010

lunedì 31 maggio 2010

Golfo del Messico: in diretta il terribile disastro



grazie a :
http://www.sentistoria.org/index.php

http://www.sentistoria.org/index.php?option=com_content&view=article&id=100%3Adisastro-nel-golfo-del-mexico&catid=61%3Agruppo-stargate-friuli-venezia-giulia&lang=it

per copiare nei tuoi siti, blog, forum, ecc...:
http://www.pbs.org/newshour/rundown/2010/05/newshour-oil-widget-2-including-spillcam.html

la mappa del Golfo con la macchia petrolifera ed altri siti per monitorare:

http://www.google.com/crisisresponse/oilspill/

http://www.oilspill.labucketbrigade.org/

http://paulrademacher.com/oilspill/#

fonte per i monitoraggi:
http://www.tanadelbianconiglio.com/2010/05/mappa-tempo-reale-petrolio-louisiana-golfo-del-mexico/



sempre peggio... no al Nuovo Ordine Mondiale

venerdì 14 maggio 2010

VUOTO - maggio 2010 (scritto)


Vi presento il mio ultimo scritto scaricabile qui:

http://www.ignotoprofondo.com/ebooks-e-libri/292-vuoto.html

http://uploading.com/files/5289979a/VUOTO.pdf/



qui il riepilogo di tutti gli altri miei scritti:

MESSAGGIO
http://uploading.com/files/9a9241m4/MESSAGGIO.pdf/

NULLA E' PER CASO... TUTTO A SUO TEMPO...
http://uploading.com/files/cm96a37m/Nulla%2B%25C3%25A8%2Bper%2Bcaso....pdf/
(uploadato 1 volta *)

U.F.O. NEL 2006
http://uploading.com/files/526d36d1/Ufo%2Bnel%2B2006.pdf/
(uploadato 2 volte *)

SETTEMBRE 2008
http://uploading.com/files/667bca44/Settembre%2B2008.pdf/
(uploadato 3 volte *)

2009 - 2012
http://uploading.com/files/m652543c/2009%2B-%2B2012.pdf/
(uploadato 3 volte *)

Storia da Riscrivere?
http://uploading.com/files/get/596ea439/

AnimAmore
http://uploading.com/files/183987m4/AnimAmore.pdf/

sabato 17 aprile 2010

giovedì 8 aprile 2010

Ziqqurat su Marte?!?! Foto lo dimostrerebbero...





Marte, ultime notizie: foto mostrerebbero un tempio tipo le ziqqurat sumere - Incredibile a dirsi ma è la pura verità. La sensazionale scoperta è opera non del solito ricercatore americano o straniero, ma di Ennio Piccaluga, studioso italiano, direttore della rivista Area di Confine e grande esperto del pianeta Marte. Vedere per credere. Le fotografie allegate parlano da sole. No, non siamo sulla Terra, ma proprio sul Pianeta Rosso. L’immagine di Fig. 1, particolare di una foto scattata dalla sonda spaziale europea Mars Express nel 2004, mostra quella che indiscutibilmente sembra essere una ziqqurat sumera. In molti si chiederanno come mai queste immagini siano state rese pubbliche solo adesso. Ma non è proprio così. Gli appassionati già conoscono questa sconvolgente realtà dal 2006, anno di uscita del best seller di Ennio Piccaluga dal titolo Ossimoro Marte. Ma è giunta l’ora che tutto ciò diventi di dominio pubblico. Su Marte c’è stata, e forse c’è tutt’ora, vita intelligente.

Nella foto di Fig. 2, vediamo la ziqqurat in bianco e nero, dove risaltano ancora di più i particolari. Non possono essere frutto del caso, perché ogni elemento è al proprio posto. Secondo le leggi della probabilità è impossibile una simile combinazione di particolari, la natura non può fare simili scherzi. Per convincersene basta guardare la Fig. 3, dove c’è la ricostruzione fatta da Patsy Nicholas Di Falco, che ha graficamente “eliminato la polvere accumulatasi” sul monumento marziano, rispettando rigorosamente le luci e le ombre, effettuando non solo un disegno, ma un vero e proprio studio che riproduce esattamente la realtà sotto la polvere dei millenni. Nelle immagini che, si ripete, sono reali, si nota la presenza di una torretta e di sette gradoni proprio come nelle ziqqurat terrestri.

Altri indizi di chiara artificialità sono il cratere quadrato che si vede molto bene in alto a destra, specie nella foto in bianco e nero (i meteoriti non scavano crateri quadrati). Siccome è situato vicinissimo alla ziqqurat, è probabile che da lì sia stato estratto proprio il materiale per costruire il monumento. Gli enti spaziali forse vogliono che nulla trapeli. A conferma di ciò, citiamo il caso del dipendente dell’Ente Spaziale Europeo licenziato nel 2004 perché aveva osato affermare che le strutture osservate in alcune foto scattate su Marte dalle sonde spaziali non erano naturali, ma costruite da qualcuno. Come per il fenomeno UFO, la gente deve essere tenuta all’oscuro di tutto, forse perché molti potrebbero rimanere scioccati nel sapere della presenza di altri esseri evoluti oltre all’uomo.

Ma è solo questione di tempo. Il grande pubblico ne saprà molto di più proprio in questi giorni, quando sarà in edicola il numero di Aprile di “Area di Confine” rivista mensile diretta proprio da Piccaluga, dedicata a questi temi, alle scienze, agli Ufo ed alle cosiddette materie di confine e che in diversi numeri ha già trattato di queste scottanti rivelazioni. Ma la bomba esploderà anche in TV tra pochissimo tempo quando andrà in onda la puntata di Voyager che Piccaluga ha già registrato, dedicata proprio alle rivelazioni di Ossimoro Marte. Era ora che ciò avvenisse, il grande pubblico deve sapere. Perché la ziqqurat non è altro che un piccolo antipasto della sconvolgente realtà che c’è sul Pianeta Posso. Questo non è che l’inizio e nei prossimi giorni se ne vedranno delle belle anche su internet, sperando che qualcuno non provi a fermare la verità perché, non c’è dubbio, la storia così come la conosciamo va riscritta.

Centro Ufologico di Benevento Mars Group Campano
Direttore Dott. Angelo Carannante

- Uno Notizie Italia - ultime news Benevento -

fonte:
http://www.unonotizie.it/9564-ziqqurat-su-marte-foto-scattate-sul-pianeta-rosso-lasciano-dubbi-per-centro-ufologico-di-benevento-e-un-manufatto.php

giovedì 1 aprile 2010

MICROCHIP per tutti!?



Uno degli ultimi passi del Nuovo Ordine Mondiale è il controllo totale della popolazione mediante microchip: quando tv, radio, giornali non basteranno più, ecco il rimedio ultimo e più efficace per il controllo dell'uomo. Non è cosa nuova perchè ci sono documenti (verbali e scritti) sull'uso di questi microchip impiantati a militari americani totalmente ignari, con tanto di scuse del presidente Bill Clinton. Per chi fosse interessato a questo incredibile ma altrettanto reale argomento ci sono molti video/documentari scientifici su youtube.com.
Una settimana fa ho parlato con un signore che si è vaccinato contro il fantasma dell'A-H1N1, alla domanda sul perchè l'abbia fatto lui mi rispose: "mah non so, me lo sono fatto e basta!"..... e poi io: "ma se ti avessero impiantato anche un microchip per controllarti in qualche modo?"... risposta: "ahah, non mi interessa anzi ne sarei contento ahah!".
Dal mio scritto di qualche anno fa, sono sempre più convinto dell'esistenza degli zombie!
Microchip di altra natura vengono studiati da un esperto mondiale americano di nome Derrel Sims (che conosco da anni tramite e-mail), ex agente della C.I.A., ecco il suo sito: http://www.alienhunter.org/

Buona vita... magari senza microchip è meglio, che dite? ;D
per chi vuole microchipparsi invece, vada su http://www.rfid.org/

mercoledì 24 marzo 2010

la Piramide del Tempo degli U.S.A.




La linea del tempo, mostrata dalla TREDICESIMA fila di mattoni della PIRAMIDE MOZZA coincide con il 1945. Ma la linea del tempo, non si conclude qui, questa continua fino alla sommità della PIRAMIDE. Lo spazio vuoto che divide la PIRAMIDE in due tronconi, corrisponde ad un ciclo di 26 anni (13+13), con inizio nel 1945 e conclusione nel 1971.
Durante quel periodo di 26 anni, gli Stati Uniti sperimentarono incredibili cambiamenti e furono testimoni di numerosi fatti. Si avvicinarono all’orlo di una guerra nucleare, assistettero all’assassinio del Presidente John F. Kennedy, testimoniarono l’inizio dell’era spaziale, intrapresero la guerra del Viet Nam e fecero la rivoluzione attraverso la musica, la cultura e le idee. Videro lo sbarco dell’Apollo 11 sulla Luna (20 luglio 1969) e lo scandalo di Nixon (Watergate).
Nel 1957, il Presidente Dwight D. Eisenhower, insistette, perché il motto NOI CONFIDIAMO IN DIO, fosse stampato sul biglietto da un Dollaro. Benché il motto fosse già presente sulle monete fin dalla Guerra Civile, sulla banconota, la stampa, non fu approvata che nel 1963.
In coincidenza con la messa in stampa della nuova banconota, con le parole NOI CONFIDIAMO IN DIO poste sopra un grande UNO, apparvero dei simboli che sembrano essere legati alla morte del Presidente Kennedy. La combinazione di numeri e di lettere presenti sul biglietto, sembrano aver profetizzato la morte del Presidente degli Stati Uniti, avvenuta il 22 novembre 1963, in Texas.
La banconota fu emessa dalla zecca di Dallas solo 2 settimane prima dell’assassinio di Kennedy. Dallas è l’undicesimo, dei dodici distretti bancari americani ed è rappresentato dalla lettera "K", l’undicesima lettera dell’alfabeto. Anche il numero di serie della banconota iniziava per "K". Inoltre il numero 11, appare ai lati della banconota e novembre (il mese della morte) corrisponde all’undicesimo mese dell’anno. La somma dei due 11, formato da quattro "1" posti agli angoli, è "22" e corrisponde al giorno della tragedia. La data di emissione della banconota era 1963.

fonte: http://www.scienzeantiche.it/portal/topic.asp?TOPIC_ID=177&FORUM_ID=2&CAT_ID=1&Forum_Title=News&Topic_Title=Dollari%2C+massoneria+e+la+piramide+del+tempo

Quindi il 2010 sembrerebbe il vertice della "Piramide"...

martedì 16 marzo 2010

Piramidi a Cividale?

Ho appreso la notizia pochi giorni fa di un ritrovmento a dir poco affascinante e misterioso nei pressi di Cividale (UD). Si tratterebbe di tre colline che rappresenterebbero le famose piramidi di Giza in Egitto... Così come in Bosnia ed in provincia di Lecco, anche il Friuli fa la sua bella figura, archeologicamente parlando. Ecco il link del video da cui ho appreso questa interessante notizia:



altro link di una conferenza sul tema:

http://www.antikitera.net/news.asp?numnews=2870&T=1

domenica 28 febbraio 2010

sabato 13 febbraio 2010

tutti i miei scritti riepilogati da scaricare gratis

MESSAGGIO
http://uploading.com/files/9a9241m4/MESSAGGIO.pdf/

NULLA E' PER CASO... TUTTO A SUO TEMPO...
http://uploading.com/files/cm96a37m/Nulla%2B%25C3%25A8%2Bper%2Bcaso....pdf/
(uploadato 1 volta *)

U.F.O. NEL 2006
http://uploading.com/files/526d36d1/Ufo%2Bnel%2B2006.pdf/
(uploadato 2 volte *)

SETTEMBRE 2008
http://uploading.com/files/667bca44/Settembre%2B2008.pdf/
(uploadato 3 volte *)

2009 - 2012
http://uploading.com/files/m652543c/2009%2B-%2B2012.pdf/
(uploadato 3 volte *)

Storia da Riscrivere?
http://uploading.com/files/get/596ea439/




(*)File richiesto non è trovato

* Purtroppo il file e stato cancellato dal proprietario oppure a causa di denunce.

mercoledì 3 febbraio 2010

Enel e "scie chimiche"

fonte:
http://www.enel.it/attivita/ambiente/ecology/impatto177_hp/impatto177/inseminazione/

La stimolazione delle piogge si ottiene diffondendo nell’aria - al di sotto delle nubi e per mezzo di aerei opportunamente attrezzati - particelle che presentano una struttura cristallina molto simile a quella del ghiaccio.
In presenza di alcune condizioni favorevoli, queste particelle vengono catturate dai moti convettivi dell’aria che li portano in alto, fin dentro le nubi, dove innescano un processo di formazione delle gocce di pioggia.
La sostanza che viene usata per queste operazioni è lo ioduro di argento. Esso viene bruciato in piccole quantità in una caldaia posta sull’aereo e il fumo che ne deriva risulta costituito, appunto, dalle minuscole particelle che vanno a stimolare le nubi.
Sotto il profilo ambientale non sembrano esserci controindicazioni. Si tratta, infatti, di una sostanza inerte e, del resto, se ne usa così poca e in un così vasto volume di aria da risultare quasi non rilevabile.
Per applicare questa tecnologia occorre, però, un’organizzazione efficiente, in grado di cogliere tempestivamente le condizioni atmosferiche favorevoli all’inseminazione. Ovvero, in grado di monitorare l’arrivo delle formazioni nuvolose segnalate dai satelliti, cercando di valutare tempestivamente la presenza di quelle condizioni di quota, umidità e temperatura che si prestano all’intervento. Solo se la lettura di questi dati lascia intravedere un ragionevole margine di successo, si fanno partire gli aerei. E si aspetta, fiduciosi, che lassù qualcosa succeda.

"si fanno partire gli aerei" eh già... ma già da qualche annetto!

sabato 30 gennaio 2010

la Gorizia massonica? Anche sì!

Non ci credevo fino a ieri o meglio non ne ero a conoscenza che a Gorizia esistono due luoghi che visti dall'alto con Google Earth simboleggiano la massoneria. Quindi ringrazio Andrea B. per la bella curiosità "casalinga".

Qui sotto troviamo l'Ossario di Oslavia che forma un triangolo con il famoso "occhio onniveggente" con tanto di spada che pende dal triangolo stesso:


Qualche chilometro più in là e troviamo un altro interessante simbolo di stampo puramente massonico: il cimitero comunale di Gorizia che forma un classico pentagono simboleggiando il Diavolo o anticristo:

da notare a destra del cimitero, la sede della Motorizzazione di Gorizia... guarda te che coincidenze!...

Il pentagono lo possiamo trovare in moltissimi luoghi del pianeta ma ricordo i famosi pentagoni di Washington: il celebre Dipartimento della difesa degli Usa e i vari collegamenti di strade, edifici, ecc... che formano ulteriori giganteschi pentagoni:

venerdì 29 gennaio 2010

Anacleto, una fiaba...

C’era una volta un uomo di nome Anacleto che fece un incidente con la macchina vicino il mare;
gli agenti arrivarono ed all’ospedale Anacleto finì, dopo i vari accertamenti, poche ore dopo a casa tornò;
alcuni punti della patente sottratti, una multa e due settimane di sospensione dalla guida giustamente arrivarono;
nel frattempo una lettera avvertì Anacleto di un inizio procedura di rivisitazione della patente, e col tempo di un mese per presentare memorie e versione dei fatti;
consegnate le versioni di Verità dell’accaduto incidente nei tempi prescritti, già una settimana prima di questa scadenza mensile un’altra lettera indicava l’obbligo di prenotare la rivisitazione della patente, violando, di fatto, i tempi della procedura;
Anacleto già esasperato di questa grave mancanza da parte dell’istituzione, si fa valere ed ottiene una proroga della rivisitazione;
Anacleto iniziò a studiare per suo conto con l’intento di superare la rivisitazione della patente, all’inizio gli errori teorici furono molti, ma dopo questi si ridussero notevolmente arrivando di sotto i 5 garantendo così una certa sicurezza, fino ad arrivare a soli 2 errori aumentando la possibilità di superamento dell’esame;
il nostro pseudo-eroe tutto contento all’esame si presentò, ma ahimè 5 errori fece però;
accidenti esclamò: “Che sfortuna, 200 ed oltre prove d’esame andate bene e l’ultima, la più importante ho commesso 5 errori!” Deluso Anacleto chiese quantomeno di sapere gli errori che aveva fatto, è un diritto. No, gli fu risposto, non possiamo dirteli ora, ma presentando domanda l’indomani potevo richiedere la visione degli errori;
Il giorno dopo Anacleto chiamò l’amico Bartolomeo, più esperto e studiato per chiedergli una mano per far chiarezza su questa cosa, chiarezza che mai arrivò dal responsabile Alfonzino Paglia. Vago risultò senza risposte nitide e chiarificatrici. E’ inammissibile non sapere subito gli errori esclama Bartolomeo, ma Paglia semplicemente rispose: “E’ così che vanno le cose, Lei vede un complotto!” Lo sconsolato Anacleto nonostante tutto ascoltando quella parola del Paglia, capì!
versò 9 euro alla suddetta struttura per ricevere un foglio in bianco e nero con questi benedetti 5 errori; le domande erano proprio quelle ma le risposte sbagliate? Se anche una fosse stata “modificata” per far quadrare 5 errori e non 4? Chi poteva dirglielo? Assolutamente nessuno! Paradossalmente se questo foglio in bianco e nero ci fossero state delle filastrocche, che cosa cambiava? Di fatto nulla;
quindi l’ormai moralmente stressato Anacleto, si trova di fatto con un handicap che non gli permetterà di fare tutto come prima della rivisitazione della patente. Certo potrà essere accompagnato, ma in sostanza un handicap rimane fino al conseguimento della patente tramite nuovi esami, tra molte settimane;
il nostro Anacleto mi lascia comunque un messaggio che mi ha pregato di riportare qui sotto:
“Spettabile Alfonzino Paglia, mi fa pena perché Lei è vittima di un “sistema marcio”, ne è almeno consapevole? Se non lo è mi fa ancora più pena ma per quanto riguarda il “sistema marcio” voglio lasciare un messaggio: siete delle carogne che non fanno del bene al cittadino, ma al contrario, abusate del potere violando leggi morali e civili, e con gran voce dico che sono una persona, non un NUMERO! Ride bene chi ride ultimo!”

Fatti e personaggi descritti in questa fiaba sono puramente casuali.

martedì 26 gennaio 2010

Ennesima testimonianza UFO da Magalli oggi 26 gennaio 2010

Ancora testimonianze filmate del fenomeno UFO nel programma diurno dei Fatti Vostri di Magalli, andato in onda su Rai 2.
Qui l'intervista:
http://www.youtube.com/watch?v=mK0uvNwQRyo

domenica 24 gennaio 2010

giovedì 14 gennaio 2010

mio ultimo scritto "STORIA DA RISCRIVERE?"





Vi presento il mio nuovo scritto "Storia da Riscrivere?" scaricabile gratuitamente in PDF dal seguente link:

http://uploading.com/files/get/596ea439/

mercoledì 13 gennaio 2010

Terremoto a Haiti, migliaia di morti

PORT-AU-PRINCE - Edifici sono crollati ad Haiti, in particolare nella capitale Port-Au-Prince, in seguito alle forti scosse di terremoto che hanno colpito la parte ovest dell'isola caraibica. La prima scossa, di magnitudo 7.0, è durata più di un minuto, facendo addirittura saltare i veicoli lungo le strade.

Si temono migliaia di morti, sepolti sotto le macerie. "Tutto ha cominciato a tremare, la gente urla, le case hanno cominciato a crollare. Il caos è totale" ha detto un reporter della Reuters sul posto. Gli abitanti stanno scavando con le mani tra i detriti per cercare di salvare chi vi è intrappolato sotto.

Molte persone sono uscite in strada e le comunicazioni hanno risentito di forti difficoltà in tutta l'isola. Secondo le prime segnalazioni, a Petionville, un sobborgo della capitale, un edificio di almeno tre piani è crollato: il fabbricato ospitava uffici privati e una scavatrice è intervenuta sul posto per cercare di rimuovere le macerie e individuare eventuali vittime o sopravvissuti. L'epicentro del sisma, che si è prodotto alle 22.53 ora italiana, seguito da altre otto scosse, si trova a una ventina di chilometri da Port-Au-Prince. Un allarme tsunami è stato lanciato per tutta l'area delle Antille, ma e' poi rientrato. Haiti è ritenuto il paese più povero dell'emisfero occidentale.

Un ospedale nei pressi di Port-au-Prince, la capitale di Haiti, è crollato a seguito del terremoto che ha colpito l'isola. Lo afferma l'Associated Press ripresa dai quotidiani americani online. Non si hanno al momento dettagli più precisi, ma il corrispondente dell'Ap ha parlato di urla, con richieste di aiuti, provenienti dall'ospedale in questione, mentre diverse case o capanne della città sarebbero finite in un burrone.

Tra i numerosi edifici crollati a Port-Au-Prince in seguito al forte terremoto che ha colpito l'isola di Haiti ci sarebbe anche il Palazzo presidenziale: lo afferma la tv di Haiti ripresa dalla Cnn in spagnolo. Distrutta anche la sede della missione di stabilizzazione dell'Onu.

Secondo gli ultimi dati pubblicati dal sito Usgs che monitora i terremoti, il sisma di Haiti ha avuto epicentro sulla terraferma di Haiti, a 15 chilometri a sudovest della capitale e ad una profondità di 10 chilometri.

Una seconda scossa, di magnitudo 5.9 Richter, è stata registrata ad Haiti con epicentro molto vicino a quello della prima. Lo riporta il sito del centro americano di monitoraggio terremoti Usgs.

Una terza scossa di terremoto è stata registrata sull'isola di Haiti. Secondo il sito americano di monitoraggio terremoti Usgs, la magnitudo è 5.5 della scala Richter. La prima scossa si è verificata alle 16:53 locali (le 10:53 italiane), le successive si sono verificate alle 17:00 e alle 17:12. Nel giro di tre ore circa le scosse sono state in tutto nove.

"Credo che si tratti davvero di un'enorme catastrofe". Così l'ambasciatore di Haiti negli Stati Uniti, Raymond Alcide Joseph, ha definito la serie di violentissime scosse di terremoto che hanno colpito il suo paese, con epicentro a pochi chilometri da Port-au-Prince. L'ambasciatore lo ha detto alla Cnn dopo aver parlato telefonicamente con suoi colleghi diplomatici nella capitale.

Il terremoto che ha scosso l'area dei Caraibi è stata avvertita con molta intensità anche nella Repubblica Dominicana. Lo affermano i media on-line locali, precisando che la scossa si è sentita nella capitale, Santo Domingo, tra l'altro anche nella sede del Parlamento. "Molte delle persone che si trovavano dentro l'edificio sono uscite, e alcuni si son affacciati dalle finestre e dei balconi", afferma il sito web del quotidiano Listin. Negli uffici del giornale il terremoto ha fatto muovere le scrivanie e i lampadari.
OBAMA, USA PRONTI AD AIUTARE - Il presidente Usa Barack Obama ha detto che gli Usa sono pronti ad aiutare il popolo di Haiti colpito da un forte terremoto.

In una dichiarazione diffusa in serata dalla Casa Bianca, Obama scrive che "i miei pensieri e le mie preghiere vanno a chi è stato colpito dal terremoto. Stiamo seguendo la situazione da vicino e siamo pronti ad aiutare il popolo di Haiti". Secondo la Casa Bianca, Obama è stato informato del terremoto poco prima della mezzanotte italiana, quasi in tempo reale, e ha chiesto che siano verificate immediatamente le condizioni del personale diplomatico americano sul posto.

Il presidente ha chiesto al Dipartimento di Stato, all'Usaid (l'agenzia per gli aiuti umanitari) e al Southern Command del Pentagono, da cui dipende l'area dei Caraibi, di prepararsi ad assistere Haiti con aiuti d'emergenza. La Usaid ha annunciato l'invio di una squadra di risposta rapida di 73 specialisti con cani addestrati, e 48 tonnellate di aiuti di emergenza.

FARNESINA, VERIFICHE SU EVENTUALI ITALIANI COINVOLTI - Sono in corso verifiche circa l'eventuale coinvolgimento di cittadini italiani nel terremoto che si è verificato ad Haiti. E' quanto precisa la Farnesina che, attraverso l'Unità di crisi, è in stretto contatto con l'ambasciata italiana a Santo Domingo, competente per Haiti. La sede diplomatica di Santo Domingo ha reso noto che sono una settantina gli italiani residenti a Haiti e successivamente riferito che stanno tutti bene i 12 italiani della ditta di costruzioni romana Ghella, che si trovano in un cantiere a circa 50 km dalla capitale.

FONTE: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2010/01/12/visualizza_new.html_1672992714.html

giovedì 7 gennaio 2010

Cancro - le cure proibite di Massimo Mazzucco















Finalmente è disponibile il documentario diviso in 14 parti di Massimo Mazzucco: "Cancro, le cure proibite". Linkatelo, condividetelo, divulgatelo!



Si può visionarlo ai link qui sotto:



http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3463

fonte: Massimo Mazzucco & Luogocomune
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/

martedì 5 gennaio 2010

innalzamento "virtuale" dei mari

http://flood.firetree.net/

Questo è un semplicissimo ed intuitivo sito stile Google Earth, che ci permette di vedere come sarebbero le nostre coste se i mari si inalzassero di qualche metro.
Per i meno esperti:
passo 1 - spostarsi sul luogo desiderato con la "manina" del mouse;
passo 2 - cliccare a sinistra su "zoom avanti" o semplicemente fare doppio click sul luogo prescelto;
passo 3 - selezionare dal menù a tendina in alto (sea level rise) il livello dell'acqua espresso in metri tra 0 e 14.

domenica 3 gennaio 2010

Una cometa si sta schiantando sul nostro SOLE

http://sohowww.nascom.nasa.gov/data/realtime/c3/512/

http://sohodata.nascom.nasa.gov/cgi-bin/data_query_search_url?Session=web&Resolution=2&Display=Images&NumImg=30&Types=instrument=LASCO:detector=C2

qui i precedenti:
http://www.cyberspaceorbit.com/phikent/orbit/june/projectile.html

grazie per la tempestiva segnalazione di azrael66 del forum di sentistoria CSI-Friuli

venerdì 1 gennaio 2010

01.01.2010 Buon anno !!!

Un augurio che giro a voi perchè mi è particolarmente piaciuto...:

A te che ti sei fatto avvolgere dall'oscurità
auguro una fonte di luce e di energia
che possa spegnere ogni oscurità.
A te che lotti contro il tempo
auguro di vincere la tua battaglia,
di sfilare al tempo la magia di un sogno
e di scriverne il poi...
a te che cerchi senza trovare
auguro di trovare ciò che cerchi
o la capacità di apprezzare ciò che hai
ricordandoti che niente ci è dovuto.
A tutti auguro di saper cogliere
il brivido di un'emozione
e scrivere con il cuore
le pagine dell'anno che si compone.
Buon Anno!

Visualizzazioni totali