Cerca nel blog...

venerdì 16 agosto 2013

Il libro tibetano dei morti


I SEGNI PREMONITORI DELLA MORTE

Tutto è illusione, frutto del karma e di altre cause concomitanti. Tutto 
muore, come fiamma di lampada al vento. Nulla esiste che non debba 
necessariamente morire. Due sono le cause di morte: la morte fuori tempo, 
cioè la morte improvvisa - che può essere allontanata; e la morte per 
esaurimento degli elementi vitali - ed è allora come una lampada che si 
spegne per mancanza d'alimento: nulla vale a evitarla, e occorre dunque 
essere pronti ad andarsene. Questi sono i segni di morte imminente: i 
cinque elementi si dissolvono. 
* L'elemento terra nel corpo costituisce carne e ossa: il segno esteriore del 
dissolvimento nella terra, è che il corpo si appesantisce e cade per terra. Il 
segno interiore, è che l'elemento terra sembra scomparire; e (poichè la 
potenza della terra si dissolve nell'acqua) più non si riesce ad afferrare: la 
forza del corpo svanisce e l'intelligenza si offusca. 
* I segni del dissolversi dell'elemento acqua (sangue e siero) sono il colare 
di acqua dalla bocca e dal naso, l'inaridimento della lingua e (poichè la 
potenza dell'acqua si dissolve nel fuoco) lo svanire del calore del corpo e 
l'intelligenza a volte chiara, a volte torbida. 
* Per l'elemento fuoco (il calore animale): gli occhi paiono sconvolti, 
irriconoscibili; e (poichè la potenza del fuoco si dissolve nel vento) il 
calore si condensa. 
* Per il vento (il respiro): il respiro diventa rumoroso e agitato; 
l'intelligenza si confonde come un miraggio abbagliante; e i pidocchi 
fuggono tutti (!). 
Al momento della morte, il sangue si raccoglie nei canali vitali e lascia 
punti sanguigni nel centro del cuore. Allora la nitidezza è disturbata, e 
succede come quando nel buio si cade in un precipizio. La bocca si fa 
asciutta, gli occhi si rivoltano verso l'alto: l'aspetto esteriore somiglia a 
quello del sole al tramonto. Le immagini si mischiano in un'oscura 
confusione. La lunghezza del respiro si riduce; le immagini esteriori 
paiono crepuscoli bui. Nel cuore si tracciano due punti di sangue;
la testa si piega, il respiro è mozzo e breve, e interviene come un nero 
avviluppamento, e si smarrisce la memoria finchè il respiro esteriore si 
interrompe. 
Allora l'intelligenza torna a uno stato di beatitudine, e il principio cosciente 
si dissolve nella luce e si sperimenta la felicità innata: l'intelletto che 
risiede al centro del cuore e il piano dell'esistenzialità si fondono come 
madre e figlio. Il respiro interiore {la mente e il cervello sopravvivono per 
qualche minuto dopo il decesso} si interrompe, e l'energia vitale e il 
pensiero si raccolgono nel canale centrale - ed è in questa condizione che 
la luce insita nel piano temporale si fa evidente alle creature. 
Allora, a taluni asceti che hanno raggiunto l'autentica Vera Conoscenza, 
questa luce viene incontro come la madre al figlio, cosicchè essi 
istantaneamente realizzano il Corpo essenziale, e con il Corpo della 
Cofruizione {?} e con quello apparizionale {?} svolgono attività 
infinitamente benefiche per le creature. Consustanziandosi con i tre Corpi, 
essi diventano Buddha. Perciò, con l'intento di avere corpo umano in una 
futura rinascita, è importante essere istruiti in questa vita riguardo alla 
strada segreta {ossia con IL LIBRO DELLA SALVEZZA 
DELL'ESISTENZA INTERMEDIA}.

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali