Cerca nel blog...

lunedì 22 settembre 2014

“Rivoluzione Ucraina”, “Cavallo di Troia” per Introdurre le “Primavere Arabe” in Europa


“Rivoluzione Ucraina”, “Cavallo di Troia” per Introdurre le “Primavere Arabe” in Europa ~ Dichiarazione di Dissociazione

“Rivoluzione Ucraina”, “Cavallo di Troia”
per Introdurre le “Primavere Arabe” in Europa

Il direttore di TerraSantaLibera, Filippo F. Pilato, si dissocia e dissente apertamente e pubblicamente dalle dichiarazioni del leader di Forza Nuova, Roberto Fiore, e dalle destre europee pro-Maidan: definire semplicemente ‘miope’ la visione politica di questi soggetti, sarebbe giá far loro un gran complimento.
John McCain, Chris Murphy, Oleh Tyahnybok
LA “RIVOLUZIONARIA” COALIZIONE DI MAIDEN IN KIEV: PER CHI LAVORA  SECONDO VOI?(VOLENTE O NOLENTE)
~ La Redazione di TerraSantaLibera considera la “rivoluzione ucraina” solo un altro “Cavallo di Troia”, messo in atto dai poteri neo-con americani, nella galoppante e collaudata strategia della tensione, per la provocazione di crisi nazionali, per l’isolamento e/o l’accerchiamento della Russia e del blocco Eurasiatico, unico ostacolo reale al prorompente e sempre piú aggressivo dilagare di quelle forze che spingono per il dominio unico e globale delle risorse e del pianeta. Quella dell’Ucraina e solo un’altra loro tappa verso il Nuovo Ordine Mondiale.
In questa occasione vengono peró utilizzate pedine diverse dai jihadisti e alqaedisti siro-libici, facendo qui invece presa sia sul forte bisogno di emergenza, rivincita, rivalitá e rancori di alcuni settori politici nazionalisti europei, sia sul desiderio di manifesto e tornacontista servilismo di alcune nazioni/colonie satelliti dell’impero anglo-sionista (vedi Polonia e Turchia).
ukraine-syria-libya
Dichiarazione di Dissociazione
La Redazione di TerraSantaLibera si dissocia anche totalmente dalle prese di posizione di alcuni esponenti e ambienti della destra ucraina ed europea, come dalle dichiarazioni di alcuni leaders della destra italiana, i quali manifestandosi a favore e vicini alle forze che stanno insanguinango e mettendo a ferro e fuoco l’Ucraina (benché dispiacendosi per i lutti provocati) si illudono che un’improbabile quanto inesistente alternativa “Terza Via” o “Terza Posizione” possa essere una strada percorribile, cosa secondo noi invece inattuabile e altamente pericolosa, almeno in un tale contesto di guerra di confine.
Su questo punto in particolare, Filippo Fortunato Pilatodirettore responsabile del Network di TerraSantaLibera.org, intende sottolineare la sua distanza edissociazione totale dalla dirigenza di Forza Nuova e dal loro movimento politico, i quali in quest’occasione hanno dimostrato, per meri calcoli politici di fazione, di voler sacrificare veritá ed onestá intellettuale sull’altare dell’opportunismo, ma anche, e ció é peggio ancora, di aver implicitamente tradito il fronte geopolitico dei popoli e delle nazioni che realmente fanno barriera all’impero atlantista Euro-Nato-Usa, che in Vladimir Putin e nella Federazione Russa trovano degna e qualificata rappresentanza.
Appoggiare pubblicamente, come ha fatto Roberto Fiore, anche solo una delle componenti della coalizione di criminali atlantisti russofobici insediatisi a Kiev,  la quale si é dimostrata organica alla strategia dell’establishment sionista yankee (i nuovi dirigenti ucraini imposti dal neonato parlamento di Kiev sono tutti miliardari sionisti alcuni dei quali con doppia identitá israelo-ucraina), é un grave atto di irresponsabilitá politica. Tali errori verranno pagati sulla pelle dei molti giovani che imprudentemente si sono loro affidati, ma soprattutto aiuteranno facilmente la setta a squalificare ancor piú molti uomini onesti che, sebbene controcorrente, in tutti questi anni hanno fatto il possibile per mantenere puliti quegli ideali e quell’etica superiore che oggi essi stanno sporcando e contaminando per opportunismo politico di fazione.
Parlare poi di terza o quarta “posizione”, sul confine eurasiatico, é pura fantasia, buona per rassicurare eventuali “alleati”, e magari se stessi ed i propri sostenitori, ma certamente é fuori dalla realtá. In buona fede o meno che alcuni di questi leaders siano, soffrono comunque di una manifesta dissociazione dal reale contesto geopolitico, nonché di una grave miopia geostrategica.
Chi oltretutto ciancia di “…persone…uccise da cecchini governativi…“, oltre a mentire ha anche la memoria corta, e non ricorda che poco piú di un anno fa queste erano le stesse false accuse rivolte al governo siriano da una falsa opposizione pilotata dall’esterno, dimostrat

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali