Cerca nel blog...

mercoledì 15 ottobre 2014

Digiuno igienista

Rilassamento

IL SANGUE FLUIDO OFFRE MAGGIORE RESISTENZA ALLE CRISI ELIMINATIVE

Le crisi eliminative possono uccidere una persona? Certamente che sì. Tieni presente che nella visuale igienistica tutte le malattie sono crisi eliminative, non soltanto quelle prodotte e stimolate mediante un digiuno igienistico. Il corpo ha racchiusa in sé questa sua capacità di auto-guarire e di auto-equilibrarsi. Non è opera del medico e nemmeno dell'igienista.

AIUTARE IL CORPO A GUARIRE E NON METTERGLI I BASTONI TRA LE RUOTE

Nessuna guarigione al mondo è opera esterna di qualcuno. Tutte le guarigioni sono autoguarigioni. Quello che può e deve fare l'uomo, il professionista della salute, il buon medico e l'intelligente igienista, è semplicemente dare una mano ai poteri autoguarenti interni, e non andare contro di essi. Non mettersi di traverso ed ostacolare il prezioso lavoro del sistema immunitario.

IL DIGIUNO IGIENISTA RAPPRESENTA UN AIUTO RAZIONALE AL SISTEMA IMMUNITARIO

Il digiuno igienista è ovviamente un aiuto che viene dato ai poteri immunitari per espellere meglio e a ritmo accelerato i veleni. Il tutto avviene nell'ambito di leggi precise che includono anche quella secondo la quale "il corpo non va mai contro se stesso". La differenza sostanziale tra una remissione spontanea e una remissione aiutata, è che in quella aiutata ci sono meno rischi., in quanto si somma al riposo fisiologico il mezzo dell'acqua e i passi graduali verso la ripresa.

40.000 DIGIUNI E ALTRETTANTI SUCCESSI NELLA STORIA DI HERBERT SHELTON

Il dr Herbert Shelton non era di certo un dilettante in fatto di digiuni. Ne organizzò, ne diresse e ne completò con successo oltre 40 mila. Le caratteristiche del digiuno, in risposta a domande e dubbi del pubblico, sono presto esposte.

LE COSE CHE NON PROVOCA IL DIGIUNO
  1. Il digiuno non fa rattrappire le pareti dello stomaco.
  2. Il digiuno non fa incollare le pareti gastrointestinali fra di loro.
  3. Il digiuno non paralizza l'intestino.
  4. Il digiuno non impoverisce il sangue e non produce anemia.
  5. Il digiuno non produce acidosi corporale.
  6. Il digiuno non apporta danni cardiaci e non indebolisce il cuore portandolo alla trombosi, al collasso o all'ictus.
  7. Il digiuno non causa edemi da malnutrizione.
  8. Il digiuno non causa tubercolosi.
  9. Il digiuno non riduce la resistenza alla malattia.
  10. Il digiuno non danneggia la dentatura.
  11. Il digiuno non danneggia il sistema nervoso.
  12. Il digiuno non danneggia alcun organo vitale del corpo.
  13. Il digiuno non danneggia il sistema ghiandolare.
  14. Il digiuno non causa psichismo o anomalie mentali.

I BENEFICI CONCRETI APPORTATI DAL DIGIUNO IGIENISTA
  • Offre agli organi un completo riposo fisiologico
  • Blocca l'immissione di cibo laddove il cibo può decomporsi ed avvelenare il corpo.
  • Svuota il tratto digestivo e dispone al meglio dei batteri putrefattivi, razionalizzando la flora batterica.
  • Offre agli organi eliminativi (intestino, reni, pelle e polmoni) l'opportunità di rimettersi finalmente in funzione e di fare il loro lavoro eliminativo.
  • Ripristina la normale chimica fisiologica e le normali secrezioni del corpo.
  • Promuove la disgregazione e l'assorbimento dei depositi, degli essudati, dei tessuti malandati o anomali e delle crescite anormali dette tumori.
  • Rinnova le cellule e i tessuti, ringiovanendo così l'intero organismo.
  • Aumenta e rinnova i poteri di digestione e di assimilazione.
  • Chiarifica e rafforza la mente.
  •  Stimola in modo naturale e modulato tutte le funzioni dell'organismo.

LE CRISI ELIMINATIVE AVVENGONO PER GRADI E IN MODO INTELLIGENTE

Questa non è semplicemente una summa di opinioni personali e partigiane di Shelton. C'è una serie di altri digiunisti che comprovano questi risultati. Il dr Hereward Carrington sostiene che, quando agli organi digestivi viene concesso un periodo di riposo, i loro poteri vitali vengono ripristinati. La cosa interessante è che nel digiuno le disgregazioni e le espulsioni procedono per gradi e non a caso. Prima vengono eliminate le cose più negative e poi man mano quelle disturbanti, prima di arrivare al punto critico dove dire basta.

IL DIGIUNO È UNA VERA E PROPRIA CHELAZIONE

Per venire al caso tuo. Il consiglio è di non strafare a livello sportivo. Un minimo di prudenza nell'intraprendere un digiuno ci vuole certamente. Digiunare alla fin fine significa chelare, estrarre dal corpo dei veleni senza l'uso del bisturi. Le alternative depuranti al digiuno sono il semidigiuno (crudismo assoluto) e la dieta vegana tendenziale crudista (crudismo da massimizzare in proporzione alle proprie possibilità).

IL DIGIUNO RAFFORZA IL CUORE, DETTO DA UN TERAPISTA AFFIDABILE COME SHELTON IN PERSONA

Il digiuno non indebolisce il cuore ma semmai lo rafforza, ha detto al punto 6 Herbert Shelton. Cerca di capire meglio le tue esigenze e i tuoi alti e bassi riferiti al clima e all'intensità degli sforzi che fai nella tua attività sportiva. Suggerisco anche particolare attenzione nell'evitare il respiro corto. La respirazione ritmata e diaframmatica-addominale è d'obbligo per un migliore controllo della funzionalità cardiaca. Anche qui i miglioramenti vanno realizzati con gradualità.
fonte http://valdovaccaro.blogspot.it

fonte 

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali