Cerca nel blog...

giovedì 4 dicembre 2014

Uno studio sul cervello dei cani mostra quello che pensano realmente di noi

Da millenni i cani sono i migliori amici degli uomini e tutti noi li amiamo, ma cosa ne pensano loro di noi? Uno studio recente ha analizzato il loro cervello cercando di capire qualcosa di più. A quanto pare non solo i cani ricambiano il nostro amore, ma ci vedono come la loro famiglia.


Cani al MR Research Center di Budapest. Foto: Borbala Ferenczy

Un dato evidenziato dagli studi è che i cani sono molto legati all’odore del padrone. Utilizzando uno strumento per la risonanza magnetica, gli scienziati della Emory University hanno analizzato la risposta del cervello dei cani a differenti odori, quelli di altri cani, di persone comuni e di persone della propria famiglia. Hanno scoperto che l’odore del padrone attiva nel loro cervello l’area della “ricompensa”. L’odore umano ha la priorità rispetto a tutti gli altri odori nel cervello di un cane.
Altri studi effettuati a Budapest presso la Eotvos Lorand University hanno analizzato la risposta del cervello dei cani ai suoni. La ricerca ha evidenziato molti punti in comune con gli esseri umani su come vengono processati i suoni. Suoni legati all’emozione di gioia hanno evidenziato una attività nella corteccia, come negli umani. Quindi come noi i cani riescono non solo a intuire i cambi di umore, ma sono fisicamente collegati ad essi.


Un cane in attesa della risonanza magnetica presso il MR Research Center di Budapest. Foto: Borbala Ferenczy.

I ricercatori pensano che i cani interagiscono con gli umani in modo molto simile ai bambini con i loro genitori. Quanto i cani sono spaventati o preoccupati, corrono dai loro padroni. Questo li differenzia da tutti gli altri animali, come gatti o cavalli, che reagiscono scappando. Inoltre i cani sono gli unici animali, esclusi i primati, che guardano gli uomini negli occhi.

 
foto: Getty

Insomma questi studi danno nuove conferme sulla eccezionalità di questi animali, che sono più simili a noi di quanto pensiamo.

fonte: brain.mic

fonte 
  

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali