Cerca nel blog...

giovedì 26 febbraio 2015

Il governo USA ammette di essere responsabile solo per la distruzione della Torre Nord

Articolo originale: The Onion

Documenti desecretati di recente rivelano un piano dell'amministrazione Bush e del Project for the New American Century di incutere paura agli americani "distruggendo la più alta e più iconica delle Torri del World Trade Center".

Washington - Dicendo che si sentivano in dovere di rivelare ciò che è veramente successo l'11 settembre 2001, diversi ufficiali federali di alto livello hanno pubblicamente dichiarato che il governo degli Stati Uniti è stato responsabile soltanto per la distruzione della torre Nord del World Trade Center.

I portavoce della Central Intelligence Agency, della National Security Agency, e di un'altra mezza dozzina di agenzie governative hanno rivelato in una conferenza stampa di essere stati responsabili per la progettazione, il finanziamento e l'esecuzione di un piano per demolire il World Trade Center 1, nel distretto finanziario di New York. Descrivendo la loro impresa come un successo assoluto, questi ufficiali hanno fatto notare che il completamento della loro missione è stato seguito, a 17 minuti di distanza, da una operazione suicida contro il World Trade Center 2, messa in atto in modo indipendente da membri di Al-Quaeda che pilotavano un aereo dirottato. [...]

"Il popolo americano deve sapere che delle due Torri che sono state abbattute a Manhattan l'11 di settembre, soltanto una era il bersaglio del governo federale" ha detto il portavoce della C.I.A. Tom McLennan, sottolineando che il loro progetto era stato pianificato in modo completamente indipendente, e senza nessuna conoscenza di un'azione simile progettata per lo stesso giorno dal leader di Al-Quaeda, Osama bin Laden. "Mentre riconosciamo apertamente la nostra responsabilità per aver colpito il primo edificio, vogliamo che sia chiaro che non abbiamo avuto nulla a che fare con la distruzione della seconda Torre. Anzi, questo fatto è risultato tanto sorprendente e sconvolgente per noi quanto lo è stato per tutti cittadini americani".

"A parte la demolizione controllata della Torre 1 - ha aggiunto McLennan - possiamo affermare con certezza che gli attentati dell'11 settembre sono stati portati a termine da parte di radicali islamici, all'interno del loro progetto di guerra contro l'Occidente".

Secondo diversi documenti di intelligence desecretati di recente, a partire dal gennaio 2001 gli agenti dell'FBI hanno iniziato a trasportare al World Trade Center migliaia di chilogrammi di esplosivo RDX, come prima fase di ciò che veniva definito in ambito governativo "Operazione Torre Nord". Planimetrie dettagliate confermano che gli esplosivi furono collocati all'interno della Torre numero 1, secondo un progetto di demolizione del Corpo di Ingegneria Militare che intendeva demolire il grattacielo di 400 m senza danneggiare alcuna delle strutture circostanti, incluso la adiacente Torre 2.

Per avere una buona copertura logica nel loro progetto di far crollare una delle Torri Gemelle, i rappresentanti governativi hanno illustrato la loro scelta di radiocomandare un aereo passeggeri fino a farlo schiantare contro l'edificio. Alti livelli militari hanno voluto rassicurare i cittadini americani che, nonostante loro avessero impiegato una squadra speciale all'aeroporto di Boston, la sera del 10 settembre 2001, per installare un transponder radiocomandato su un singolo volo diretto alla West Coast, l'aereo che si è schiantato contro la Torre 2 il mattino seguente era pilotato esclusivamente da jihadisti di cui loro non erano assolutamente a conoscenza.

I leader nazionali hanno anche voluto sottolineare, nella conferenza stampa, come gli agenti del Mossad che avevano inizialmente proposto il progetto agli Stati Uniti non abbiano avuto nulla a che fare con l'attacco alla Torre 2.

"Avendo ordinato al NORAD di deattivare la difesa nazionale l'11 di settembre - ha detto l'ufficiale della NSA Will Mason - noi abbiamo potuto aprire la strada verso Manhattan al nostro aereo, ma questo pare aver creato una splendida opportunità per cinque membri di Al-Quaeda che, a quanto pare, sono partiti con un altro aereo, soltanto pochi minuti dopo il nostro." Mason ha aggiunto che i vertici dell'aviazione civile avevano avuto istruzioni di ritardare l'annuncio della deviazione di rotta dell'aereo radiocomandato, ma che gli stessi vertici sono andati immediatamente nel panico quando si sono accorti di un comportamento simile da parte di un secondo aeroplano. "Nessuno sapeva chi fosse in controllo del secondo aereo. Stavamo giusto festeggiando il successo del primo impatto, quando il secondo impatto ha praticamente zittito l'intero Centro di Comando del Pentagono".

"Ovviamente - ha aggiunto - se avessimo saputo che la Torre 2 stava per essere colpita, avremmo avvisato tutti gli impiegati ebrei di stare lontani anche dal secondo edificio".

I rappresentanti del governo hanno poi spiegato come, quel martedì mattina, il presidente George Bush, che si trovava in una scuola elementare, sia stato segretamente informato del pieno successo dell'operazione, solo per venire a sapere, alcuni minuti dopo, che "gli Stati Uniti erano sotto attacco".

"La sceneggiatura che avevamo fornito a tutte le grandi reti televisive - ha detto l'agente della C.I.A. Donald Macy - è diventata praticamente inutile dopo il secondo impatto". Macy ha notato che l'accurata campagna di disinformazione messa a punto nei 10 mesi precedenti, avrebbe avuto senso con un solo edificio colpito. "Dopo il secondo impatto - ha detto Macy - qualunque tipo di confusione generata era fuori dal nostro controllo."

"Alla fine - ha aggiunto Macy - direi che la maggior parte del terrore vissuto dalla nazione quel giorno è stato causato da qualcuno estraneo al governo americano. Noi siamo stati responsabili soltanto di circa la metà di tutto ciò."

Dopo aver ammesso che vi furono diversi imprevisti quel giorno, i responsabili dell'attacco governativo hanno sostenuto che, al di là di tutte le coincidenze, sono comunque riusciti ad ottenere i risultati a lungo termine che desideravano.

Fonte: The Onion (The Onion è una pubblicazione satirica molto conosciuta negli USA).

Traduzione di Massimo Mazzucco per luogocomune.net

fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali