Cerca nel blog...

lunedì 2 marzo 2015

Nuovi crateri in Siberia, gli scienziati: 'Una bomba a orologeria'

b3cratere

Nuovi misteriosi crateri si aprono in Siberia. Una vicenda che non ha ancora una soluzione ma solo tante ipotesi. Dopo la famosa voragine trovata nella regione settentrionale dello Yamal, nuove buche sono state individuate utilizzando le immagini satellitari.
Fino ad ora, erano tre i crateri erano conosciuti nel nord della Russia. E le cause potrebbero essere tante: si parla di un elevato riscaldamento sopra la superficie a causa delle temperature particolarmente elevate, o ancora delle linee di faglia che hanno portato a un enorme rilascio di gas idrati.
I ricercatori si avventurarono nel profondo di uno dei fori a novembre, raccogliendo dei dati nel tentativo di capire perché si formavano. La teoria principale è che essi sono stati creati da esplosioni di gas innescate da calore sotterraneo o da temperature dell'aria associate al cambiamento climatico, secondo il Siberian Times. Vere e proprie bombe a orologeria.
Due dei grandi crateri appena scoperti si sono trasformati in laghi, ha rivelato il professor Bogoyavlensky della Accademia Russa delle Scienze.
Ma altre indagini effettuate di recente utilizzando le immagini satellitari hanno aiutato gli scienziati russi a capire che i crateri sono molto più numerosi di quanto si ipotizzasse.
Per questo Vasily Bogoyavlensky ha chiesto un'indagine 'urgente' sul nuovo fenomeno. Lo studio delle immagini satellitari ha mostrato che nei pressi del famoso foro che si trova in 30 chilometri da Bovanenkovo, vi sono due oggetti potenzialmente pericolosi, in cui emissioni di gas possono avere luogo in qualsiasi momento.
 
mappacrateri

I quattro nuovi crateri artici sono così descritti: B1 è il famoso foto di Yamal a 30 chilometri da Bovanenkovo, B2 è cratere recentemente rilevato 10 chilometri a sud do Bovanenkovo, B3 è il cratere situato a 90 km dal villaggio di Antipayuta e B4 si trova invece vicino al villaggio di Nosok, a nord della regione di Krasnoyarsk, nei pressi di Penisola di Taimyr.
Ora siamo a conoscenza di sette crateri nella zona artica,” ha detto Bogoyavlensky. “Abbiamo posizioni esatte solo per quattro di loro. Gli altri tre sono stati avvistati dai pastori di renne. Ma sono sicuro che ci sono più crateri su Yamal, dobbiamo solo cercarli”.
Secondo lo scienziato russo, il numero è destinato a salire e stima che potrebbero essere almeno 20-30 i crateri siberiani. “Questi oggetti devono essere studiati, ma è piuttosto pericoloso per i ricercatori. Sappiamo che possono verificarsi una serie di emissioni di gas per un periodo di tempo prolungato, ma non sappiamo esattamente quando potrebbe accadere.”

b2immagine

Secondo Bogoyavlensky uno degli oggetti più interessanti è il cratere B2. Dall'immagine satellitare è possibile vedere che è un grande lago circondato da più di 20 piccoli crateri pieni d'acqua. “Dallo studio delle immagini satellitari abbiamo scoperto che inizialmente non c'erano crateri né un lago. Alcuni sono apparsi successivamente. Suppongo che i crateri si siano riempiti d'acqua formando numerosi bacini che poi si sono fusi in un unico grande lago, da 50 a 100 metri di diametro”.
Non è solo la formazione di nuovi crateri a dimostrare che è in corso un processo di emissione di gas. Secondo Bogoyavlensky è in corso il 'degassamento', con i gas che vanno dal fondo del lago alla sua superficie. “Il degasaggio è stato rivelato sul territorio del distretto autonomo di Yamal circa 45 anni fa, ma ora pensiamo che ci possa dare qualche indizio sulla formazione dei crateri e delle emissioni di gas. In ogni caso, dobbiamo studiare questo fenomeno con urgenza, per evitare possibili disastri”.

cratere antipayuta

Anni di esperienza hanno dimostrato che le emissioni di gas possono causare gravi danni alle piattaforme di perforazione, ai giacimenti di petrolio e gas e ai gasdotti offshore”.

La Siberia trema.
Francesca Mancuso

fonte 

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali