Cerca nel blog...

venerdì 12 giugno 2015

Bilderberg 2015: bavaglio elettronico ai media

By Edoardo Capuano - Posted on 11 giugno 2015

Bilderberg 2015Un esperto di comunicazione ha rivelato ai giornalisti di InfoWars l'esistenza un sofisticato sistema tecnologica per il monitoraggio, capace di interrompere le comunicazione in tutta l'area dell'Hotel.
Questo sofisticato impianto ad alta tecnologia sarebbe stato installato con lo scopo di oscurare la copertura mediatica dell'evento.
Dopo aver visitato uno dei luoghi più vicini all'Hotel Interalpen che sono ancora accessibili, gli addetti di Infowars hanno individuato un camion con impianti di comunicazione di proprietà del Ministero federale dei Trasporti e della Tecnologia. Le grandi antenne sono visibili anche sul tetto dell'hotel, così come un gigante traliccio di recente costruzione situato nella foresta vicino all'hotel.
Nelle immediate vicinanze i giornalisti di Infowars hanno colloquiato con un informatico locale il quale ha confermato che, da quando è stata eretto il traliccio, tutti i segnali della telefonia mobile non coprono più la zona intorno all'hotel. Questo signore si era anche incontrato con la polizia e con il personale addetto alla sicurezza nei pressi dell'hotel.
I Jammers sono dispositivi elettronici che impediscono ai telefoni cellulari di ricevere i segnali da stazioni di base. I jammers sono tecnicamente illegale nei paesi dell'Unione europea.
Questo sistema denominato 'triangulated jamming system' non ha permesso ai giornalisti di Infowars, Rob Dew e Josh Owens, di trasmettere la diretta via Skype dell'evento nelle zone situate nei pressi dell'Hotel Interalpen.
I promotori del gruppo Bilderberg sono timorosi e non vedono di buon auspicio certa informazione mediatica. I posti di blocco non sono sufficienti. Essi hanno fatto installare sofisticati e costosissimi impianti, presumibilmente a spese del contribuente, con lo scopo di mettere un bavaglio ai media scomodi.
L'intento è ovviamente quello di limitare le comunicazioni tra i manifestanti e non permettere ogni tipo di ripresa video in diretta streaming dei membri del Bilderberg in arrivo e in partenza.
Le autorità hanno pubblicato una mappa della zona di sicurezza, che copre l'intera area esterna così come la strada principale e il sentieri che portano al luogo dalla piccola cittadina di Buchen. Le autorità hanno avvisato che chiunque entra all'interno dell'enorme perimetro di sicurezza del Bilderberg rischierà di pagare una multa di 500 Euro o di essere mandato in prigione per due settimane.
Il divieto di entrare nella zona è entrato in vigore dallo scorso 9 giugno, a mezzogiorno, e si concluderà il 14 giugno a mezzanotte.


Traduzione riassuntiva e rielaborazione linguistica a cura di: Edoardo Capuano / Articolo originale di Infowars

fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali