Cerca nel blog...

lunedì 8 giugno 2015

Esercizi per percepire l’Energia

Sappiamo che l’energia è dentro di noi: quando respiriamo, ad esempio, consumiamo energia, quando mangiamo la riprendiamo. Questo potere è fisico, oltre che misterioso, ma solo perché pochi ne investigano la sua natura magica.

Esercizio base con l’Energia

Percepire l'energia

Fare questo esercizio da seduti è più facile, tuttavia, non è assolutamente necessario trovarsi in questa posizione, a patto di mantenere l’attenzione sulle istruzioni e continuare a seguirle.
– Ora mettete le mani sul tavolo o, meglio, in grembo, con le palme rivolte verso l’alto.
– Dirigete l’attenzione sul palmo delle mani, sulla superficie della pelle. Cercate di sentire l’aria che tocca la pelle in quel punto. Potete avvertire la temperatura, il movimento, o la pressione dell’aria. Rimanete un po’ così, concentrandovi sempre più su queste sensazioni.
– Mentre continuate a prestare attenzione a quelle sensazioni, diventate progressivamente consapevoli della pelle a contatto con l’aria. Ben presto avvertirete un’altra sensazione, una specie di pizzicore, o di vibrazione, diversa da ciò che sperimentate normalmente. All’inizio può essere appena percettibile, ma se continuate a dirigere l’attenzione su di essa, sentirete che diventa sempre più definita.
– Possiamo dare un nome a questa sensazione. Chiamiamola energia. Immaginiamo che qualcosa, chiamato energia, stia fluendo dalle vostre mani, facendo vibrare la membrana della pelle mentre l’attraversa. Riuscite a immaginare che sia quella l’origine della vostra sensazione?
– Immaginate che quello che provate sia energia che fluisce dalle mani. Immaginate che quello che sentite siano le vostre mani che brillano di energia. Sentite l’energia che si irradia dalle vostre mani.
– Mantenete questa sensazione nelle mani e ponetele una di fronte all’altra, a una distanza di circa 50 centimetri; adesso avvicinatele lentamente, poi allontanatele adagio, avanti e indietro. Notate che provate una sensazione differente quando le mani si avvicinano, rispetto a quando si allontanano.
– Potete ora immaginare di avere una palla di energia tra le mani e di comprimerla avvicinandole, aggiungendo altra energia e rendendola ancora più densa. E’ come fare una palla di neve, solo che si tratta di una palla di energia. In breve, sarete in grado di sentire i contorni e la superficie di questa sfera di energia e la potrete tenere in mano, conservando la sensibilità nelle mani.
– Se state lavorando con un compagno, ponetevi l’uno di fronte all’altro, ognuno con la propria palla di energia, e muovete le mani in modo da poter sentire l’energia del compagno. Per esempio, potete mettere una mano tra quelle del vostro amico, muovendola su e giù attraverso il suo campo energetico, e notare che cosa provate mentre lo fate. Naturalmente, anche lui può fare lo stesso contemporaneamente. Continuate per un po’.
– Successivamente rilassate le mani ed esaminate ciò che avete provato.

Altri esercizi con l’Energia

Primo Esercizio
Parte Prima: Calmatevi. Respirate a fondo. Strofinate insieme i palmi delle mani per venti secondi. Cominciate lentamente e poi strofinate sempre più veloce. Sentite i vostri muscoli in tensione. Sentite i vostri palmi riscaldarsi. Poi, all’improvviso, fermatevi e tenete le mani a pochi centimetri l’una dall’altra. Le sentite formicolare? Questa è una manifestazione del potere. Strofinando insieme le mani ed usando i muscoli delle braccia e delle spalle, avete accumulato energia-potere magico. Scorre dai vostri palmi mentre tenete separate le mani.
Se non sentite nulla, praticate questo esercizio una o due volte al giorno, fino a quando non ci riuscite. Ricordate, non forzatevi a sentire il potere. Sforzandovi di più non otterrete nulla. Rilassatevi e consentitevi di sentire ciò che è stato lì per tutto il tempo.
Parte Seconda: Dopo che avrete veramente avvertito questa energia, cominciate a modellarla in qualche forma. Usate la visualizzazione per fare ciò. Subito dopo aver strofinato le mani, mentre stanno ancora formicolando, visualizzate le scariche di energia – blu elettrico o viola – passare dal vostro palmo destro (proiettivo) a quello ricettivo (sinistro). Se siete mancini, invertite le direzioni.
Ricordate i film fantastici o di fantascienza in cui il mago lancia i suoi poteri dalla mano? Ricordate l’effetto che faceva nella sua forma cinematografica. Se desiderate, usate un’immagine simile per visualizzare il potere personale che scorre dai vostri palmi. Anche se quello era solo un effetto speciale, noi possiamo usare quella stessa immagine per mandare energia nella realtà.

Sfera di energia 

Parte Terza: Ora immaginate questa energia muoversi in un lento vortice in senso orario tra i vostri palmi. Formate con essa una palla luminosa, pulsante di energia magica. Osservate le sue dimensioni, il suo colore, sentite la forza e il calore nei vostri palmi. Questo è un po’ di energia che avete rilasciato con il vostro corpo. Non c’è nulla di sovrannaturale in questo. Mettete le vostre mani a coppa attorno alla palla. Fatela ora aumentare o diminuire di grandezza con la vostra visualizzazione. Infine spingetela nel vostro stomaco e riassorbitela nel sistema.
Questo esercizio non è solo molto divertente, ma è anche una preziosa esperienza di apprendimento magico. Quando avrete padroneggiato l’arte delle sfere di energia, passate a sentire i campi di energia.
Secondo Esercizio
Bisogna essere pratici del primo per passare a questo. Questo esercizio vi aiuterà a sentire l’energia che scorre nelle piante, nelle pietre e nella terra.
Sedetevi o state in piedi di fronte ad una pianta. Sembra che le erbe e le piante con i boccioli funzionino meglio. In caso di necessità, si possono usare anche i fiori recisi. Respirate a fondo per qualche momento e ripulite i pensieri. Mettete la mano ricettiva (sinistra) pochi centimetri al di sopra della pianta. Sentite un battito sordo, una vibrazione, una ondata di calore, o semplicemente un cambio di energie nella vostra mano? Sentite la forza interiore della pianta?
Se è così, bene, avete sentito l’energia. Cercate allora di sentire l’energia di pietre e cristalli. Mettete un cristallo, diciamo di quarzo, su di un tavolo, e passateci sopra la vostra mano ricettiva. Allargate le vostre sensazioni e diventate consapevoli delle energie non visibili, ma vitali che pulsano nel cristallo.
Ricordate che tutti gli oggetti naturali sono manifestazioni dell’Energia divina. Con la pratica possiamo avvertire il potere che risiede in essi. Se avete difficoltà a sentire questi poteri, strofinate leggermente i palmi per sensibilizzarli, e riprovate.
Terzo Esercizio
Ora che avete sentito il potere, usate la visualizzazione per spostarlo intorno. Non dovreste più aver bisogno di strofinare i palmi per accumulare l’energia: potete fare questo semplicemente concentrarvi su di essa. Uno dei metodi più semplici è stringere i muscoli, contrarre il corpo. Questo accumula energia, ecco perché dobbiamo rilassarci nella meditazione. La meditazione abbassa le nostre energie e ci consente di scivolare via da questo mondo.
Quando vi sentite colmi di energia, stendete la vostra mano destra (proiettiva) e dirigete l’energia dal vostro corpo, attraverso il braccio e fuori dalle dita. Usate la vostra visualizzazione. Sentitela e vedetela veramente mentre scorre fuori da voi.
Fate pratica in casa. Accumulate in voi l’energia. Dirigetela poi in ogni stanza e guardatela mentre penetra in ogni parte dei muri, nelle porte e nelle finestre. Non state creando un antifurto psichico, ma una protezione magica, quindi visualizzate l’energia formare una barriera invisibile attraverso la quale non può passare alcuna negatività o intruso.
Dopo aver “sigillato” la casa, interrompete il flusso di energia. Potete fare ciò con la visualizzazione, o scuotendo la mano. Avvertite la vostra energia protettiva che risiede nei muri nella vostra casa ora protetta. Si, lo avete fatto con la vostra mente, ma anche con il potere. L’energia è reale e la vostra abilità nel manipolare l’energia determina l’efficacia dei vostri rituali.
Lavorate ogni giorno, avvertendo e dirigendo il potere. Fatene una specie di gioco magico fino a quando non raggiungerete il punto in cui non dovrete fermarvi a pensare:“Posso farlo? Posso accumulare energia e potere?”
Tratto da “Wicca” di Scott Cunningham, e da: “Guarire con il Sistema Corpo Specchio” di Martin Brofman

fonte 

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali