Cerca nel blog...

giovedì 11 giugno 2015

Preludio all'era glaciale

by · 10 giugno 2015

Ripropongo in versione integrale un mio lungo articolo, pubblicato originariamente in 4 parti nei giorni 3, 5, 7 e 10 gennaio 2013.
Ricco di spunti di riflessione e nozioni di base sul Clima e le dinamiche solari, tale articolo è la base di una successiva discussione che pubblicherò nei prossimi giorni. Una discussione che mi sta facendo riflettere sul fatto che le cause dei cambiamenti climatici debbano essere molteplici e tutte sincronizzate tra loro.
Buona lettura!

Prima parte – 3 Gennaio 2013
2_A

Prima di addentrarci nei meandri bui e gelidi dello scenario più apocalittico che si possa immaginare per il nostro futuro, è bene chiarire un paio di concetti che, a quanto pare, non tutti hanno compreso!
Il Clima del nostro pianeta, benché una minoranza (o minorata?) degli scienziati dicono il contrario, dipende in larga parte dall’Attività del nostro Sole con le stesse proporzioni che ha l’acqua che bolle in una pentola nei confronti del fornello che la sta scaldando. Se si abbassa la fiamma del fornello, l’acqua smette di bollire.
Compreso il paragone?
Ecco… noi siamo la pasta!
L’attività del nostro Sole, se qualcuno non l’avesse capito, dipende principalmente da 2 fattori variabili nel tempo:
1) l’età del Sole
2) le influenze gravitazionali e magnetiche indotte da corpi esterni
Sappiamo (e comunque lo speriamo sempre) che l’età del Sole per noi non dovrebbe essere un problema. Al momento si stima che questa sia di circa 5 miliardi di anni e che il Sole continuerà con questo andazzo per altri 4 o 5 miliardi di anni. Per cui di questo non dobbiamo preoccuparci troppo.
Per quanto riguarda le influenze indotte da corpi esterni, bisogna precisare che solo una parte di queste riusciamo ad osservare e calcolare con sufficiente precisione. I corpi esterni sono diversi… primo fra tutti Giove… e a seguire più o meno tutti i pianeti del Sistema Solare, Terra compresa, in un ordine che dipende dalla potenza del campo magnetico del pianeta e dalla distanza del pianeta dal Sole.
Essendo le orbite dei pianeti sempre più o meno ellittiche, ne consegue che le influenze aumentano e diminuiscono con una periodicità ben precisa. Per cui le conseguenze delle variazioni cicliche dell’Attività Solare sul clima e sulla geologia del nostro pianeta, risultano essere a loro volta, cicliche.........................
..............................................

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali