Cerca nel blog...

venerdì 15 febbraio 2013

15 Febbraio 2013, osservare il passaggio dell’asteroide 2012 DA14


La sera del 15 Febbraio sopra le nostre teste passerà un piccolo asteroide di circa 50 metri di diametro e dal nome non certo evocativo: 2012 DA14. Nessun pericolo per la Terra, c’era una remota possibilità che potesse colpirci in un prossimo passaggio ravvicinato nel 2020, ma i dati ricavati dalle recenti osservazioni hanno escluso anche questa eventualità. Rimane dunque uno evento davvero particolare da osservare in tutta tranquillità!

La dimensione dell’asteroide 2012 DA14 comparate con quella della Stazione Spaziale Internazionale, di un campo da football e di un 747.
2012 DA14 passerà a 27.680 km dalla Terra, per un breve periodo si troverà quindi più vicino a noi dei satelliti geostazionari, che orbitano a circa 35.800km di distanza e ci permettono di comunicare, guardare la tv etc., ed anche se attraverserà il piano dell’orbita di questi satelliti il rischio di impatto sarà davvero minimo.

Osservare l’asteroide 2012 DA14 la sera del 15 Febbraio 2013

 Attenzione l’asteroide non sarà visibile ad occhio nudo, per seguirlo sarà necessario disporre di un telescopio o di un binocolo ed osservare sotto un cielo buio e con l’orizzonte EST privo di impedimenti.

Il movimento dell’asteroide 2012 DA14 nella sera del 15 Febbraio 2013
2012 DA14 si muoverà veloce tra le stelle della Chioma di Berenice, dei Cani da Caccia per poi salire alto nel cielo tra le stelle dell’Orsa e del Drago. Al binocolo o al telescopio apparirà simile ad una piccola stella, di poco più luminoso della magnitudine 8, ma basterà seguirlo per qualche minuto per notare il veloce spostamento tra le stelle.
2012 DA14 si muove a 7,8km/s , per confronto il proiettile sparato da una pistola viaggia ad appena 200 metri/s

Il percorso dell’asteroide dalle ore 21 alle 23
Un consiglio per rintracciarlo è quello di “attenderlo”, puntando il telescopio (meglio se a bassi ingrandimenti) in una zona di cielo in cui passerà, una volta individuato vi basterà seguirlo.
Ad esempio alle 21:20 passerà accanto a γ Comae Berenices. una bella stella di magnitudine 4.75. Poco prima in circa 5 minuti attraverserà l’ammasso stellare MEL111, una bella occasione per gli astrofotografi che potranno ritrarre l’asteroide tra le numerose stelle che occupano questa porzione di cielo.
Alle 21:45 si troverà invece poco distante dalla stella Chara dei Cani da Caccia, ben visibile ad occhio nudo ed ottimo punto di riferimento.
Intorno alle 22:30 si troverà già nei confini dell’Orsa Maggiore tra le stelle Alioth e Megrez, a questo punto brillerà giù di magnitudine 9 e sarà progressivamente sempre meno luminoso e il suo movimento apparirà più lento.

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali